Il Monte Vulture e i Laghi di Monticchio

Il Monte Vulture

In Basilicata, nella parte settentrionale della provincia di Potenza, lungo l’Appennino Lucano sorge il Monte Vulture.

Il Vulture è un vulcano la cui ultima eruzione risale 130.000 anni fa, anche se ci sono stati fenomeni di eruzione secondaria fino al 1820.

Oggi le pareti del vulcano sono ricoperte interamente da una fitta e rigogliosa vegetazione incastonata nella fertile roccia vulcanica.

Nella zona del vulture sono molto estesi gli alberi di castagno. Nella zona si estendono oltre 1.500 ettari di vigneti dal cui frutto viene prodotto uno tra i migliori vini d’Italia: l’Aglianico del Vulture.

Grazie alla presenza di numerose sorgenti di acqua minerali sono stati aperti diversi stabilimenti di imbottigliamento come la Monticchio Gaudianello S.p.A., tra le prime 10 aziende italiane nel settore, o la Fonti del Vulture s.r.l. che nel 2006 è stata acquisita dal gruppo statunitense Coca-Cola Company.

Acque del Vulture

Il Monte Vulture raggiunge un’altezza massima di 1.326 metri di altitudine. Alle pendici del Monte vulture si trovano i centri abitati di

  • Melfi (circa 17.822 abitanti)
  • Rionero in Vulture (circa 13.239 abitanti)
  • Rapolla (circa 4.400 abitanti)
  • Atella (circa 3.860 abitanti)
  • Barile (circa 2.708 abitanti)
  • Ripacandida (circa 1.718 abitanti)

In mezzo la folta vegetazione del Vulture spiccano i Laghi di Monticchio.

I due Laghi di Monticchio

I Laghi di Monticchio

all’altitudine di circa 660 m.s.l.m., al posto del cratere del vulcano ormai spento, emergono i due Laghi di Monticchio.

Entrambi i laghi hanno una forma ellittica, il Lago Piccolo ha un’estensione di 16 ettari e un perimetro di 1.800 metri, mentre il Lago Grande ha una superficie di 38 ettari e un perimetro di 2.700 metri.

Il Lago Piccolo presenta sponde ripide che scendono fino ad una profondità di 38 metri, mentre il Lago Grande arriva fino a 36 metri di profondità.

I due Laghi di Monticchio comunicano tra loro ma presentano un colore leggermente differente che va dal verdastro del Lago Piccolo al verde oliva del Lago Grande.

Nel 1984 il Lago Piccolo di Monticchio è stato istituito come Riserva Regionale per non solo per il territorio, ma anche per la sua fauna e la sua flora.

Tramonto del sole sul Lago Piccolo di Monticchio

Caratteristica del parco è la presenza della Brahmaea Europea, una farfalla con una apertura alare di 7 centimetri e unica specie della famiglia Brahmaeidae che vive in Europa.

Dal punto di vista turistico, la gente è solita fare il giro attorno al lago piccolo a piedi o con le biciclette formato famiglia. È inoltre possibile fare un giro sul lago in battello o in pedalò.

Bicicletta famigliare

Sul posto si trovano bar, bazar e ristoranti, alcuni esposti direttamente sulle rive del lago.

Atre attrazioni turistiche ai Laghi di Monticchio sono il giro con la carrozza trainata da cavalli o con il trenino.

Sul Lago Piccolo si riflette l’antica Abbazia benedettina di San Michele. Sotto l’Abbazia è stato instituito il Museo di Storia Naturale del Vulture.

Lago Piccolo di Monticchio
Banner Laghi di Monticchio FAI
Vota i Laghi di Monticchio nel progetto “I luoghi del cuore” promosso dal FAI
Condividi con i tuoi amici
Precedente Il mio rientro al casa ai tempi del Corona virus Successivo Come si vive a Rapallo (Città metropolitana di Genova)